Chi siamo

Il Cinema Edison opera a Parma dal 1995 offrendo una programmazione di produzioni indipendenti, rassegne cinematografiche, documentari, film in lingua originale ed incontri con registi e protagonisti della settima arte. Il confronto diretto con gli spettatori e la loro partecipazione ai momenti di riflessione sulle iniziative proposte sono, fin dalle origini, il tratto distintivo dei progetti cinematografici di Solares Fondazione delle Arti.

Autori, prime visioni, incontri: uno “sguardo lungo” sul cinema

I film programmati al Cinema Edison d’Essai sono frutto di un’osservazione attenta sul mondo contemporaneo e di una selezione che privilegia le prime visioni delle pellicole d’autore, spesso penalizzate dai meccanismi commerciali della distribuzione. In questa cornice è importante la collaborazione di lunga data con le più importanti istituzioni nazionali nel campo cinematografico, in primo luogo con la Fondazione Cineteca di Bologna.

La rete di contatti con cineasti di tutto il mondo, che Solares Fondazione delle Arti ha costruito grazie ai progetti realizzati nel campo dell’arte contemporanea e della fotografia, ha portato alla realizzazione di veri e propri eventi multimediali volti a dare il giusto rilievo non solo all`aspetto più conosciuto della produzione artistica di un regista, ma anche e in modo particolare a risvolti più inediti della sua creatività, dall`installazione alla fotografia, dalla pittura alla musica. È il caso della collaborazione che perdura nel tempo con Emir Kusturica, un rapporto che si concretizza nell’organizzazione dei tour della No Smoking Orchestra (band di cui fa parte anche il regista), e ha portato nel corso degli anni alla realizzazione di produzioni documentaristiche come il film “Super 8 Stories”.

Ma tanti sono i progetti realizzati con “mostri sacri” dello scena cinematografica come Wim Wenders e la produzione internazionale dei documentari “Il Sale della Terra” con Sebastiao Salgado ed il film  “Papa Francesco – Un Uomo di Parola”, oltre al rapporto privilegiato con i grandi registi Bernardo e Giuseppe Bertolucci, che ha portato alla nascita di diversi progetti artistici, con esposizioni e produzione di spettacoli audiovisivi e teatrali e alla collaborazione per la custodia del prezioso archivio privato di famiglia (che comprende anche il materiale del padre, il poeta Attilio) nel quale sono raccolte sceneggiature, libri, documenti, immagini ed oggetti di questa straordinaria eccellenza culturale.

Nel corso del tempo sono state realizzate iniziative con la presenza di David Cronenberg, Peter Greenaway, Aki Kaurismäki, Jane Campion, Mike Figgis, James Ivory, Roger Corman, Denys Arcand, Michael Cimino, Ken Loach, Matthew Modine, Ernest Borgnine e con autori eccellenti del panorama italiano, come Marco Bellocchio, Gianni Amelio, Matteo Garrone, Valerio Mastrandrea, Mario Martone, Mario Monicelli, Giuliano Montaldo, Nanni Moretti, Susanna Nicchiarelli, Franco Piavoli, Alice Rohrwacher, Arturo Zavattini, Francesco Tullio Altan, solo per fare alcuni nomi.

Formare alla visione

Importante l’impegno progettuale anche nell’ambito della formazione con la realizzazione di proiezioni per gli istituti scolastici delle elementari, medie e superiori attraverso la proposta di momenti di approfondimento rivolti agli studenti ed agli insegnanti, su storia e critica del cinema.